Laboratorio per lo Studio e le Tecnologie del Parlato e della Comunicazione Multimodale Stampa

Il Laboratorio per le ricerche sperimentali sul parlato italiano e sulla comunicazione multimodale, funzionante presso la Sede di Padova dell’ISTC, è stato creato, a partire dagli anni ’80, all’interno del Centro di Studio per le Ricerche di Fonetica del CNR (costituito nel 1971 presso l’Istituto di Glottologia e Fonetica dell’Università degli Studi di Padova e trasformato nel 1998 in IFD).

Le ricerche articolatorie, acustiche e percettive condotte presso tale Laboratorio hanno costituito per decenni un punto di riferimento metodologico per tutti gli studiosi del settore in Italia, collocando il Centro in una posizione assolutamente paritaria sulla scena internazionale rispetto a Istituzioni simili.

In tempi più recenti le ricerche analitiche, di grande rilevanza per la descrizione dell’italiano parlato e per tutte le applicazioni nel campo della riabilitazione logopedica, sono state integrate da indirizzi tecnologici informatici estremamente innovativi, quali la sintesi e il riconoscimento unimodali acustico-uditivi e bimodali acustico-visivi del parlato (Facce Parlanti), ricerche che sono state scelte dal CNR come argomenti focus nel 2000 e 2001.

Questi settori di ricerca sono considerati importanti e strategici nel panorama delle Scienze Fonetiche, della Speech Communication, della Speech Technology e della Comunicazione Multimodale nell’interazione faccia-a-faccia.

In tutti questi settori la partecipazione dei ricercatori della Sezione di Padova dell’ISTC ai Congressi Internazionali di Scienze Fonetiche (ICPhS), dell’ISCA (Interspeech), dell’ICASSP (IEEE International Conference on Acoustics, Speech, and Signal Processing), dell’AVSP (Audio Visual Speech Processing), è assolutamente rilevante rispetto ad altri Enti di ricerca italiani.

Infine la qualità delle ricerche svolte presso il Laboratorio è documentata dalle collaborazioni attualmente in corso e dalle partecipazioni a progetti europei.

 

Presso il Laboratorio vengono svolte ricerche sperimentali su:

  • le caratteristiche articolatorie, cinematiche e dinamiche, delle strutture fonetiche segmentali e soprasegmentali dell’Italiano prodotte da soggetti normali e patologici, adulti e di età evolutiva;
  • le caratteristiche acustiche delle strutture fonetiche segmentali e soprasegmentali dell’Italiano prodotte da soggetti normali e patologici, adulti e di età evolutiva;
  • le caratteristiche uditive-percettive delle strutture fonetiche segmentali e soprasegmentali dell’Italiano in soggetti normali e patologici, adulti e di età evolutiva, studiate tramite test di intelligibilità, di identificazione e di discriminazione;
  • la micro-bimodalità uditivo-visiva (visemi, lettura labiale, sinergia acustico-visiva);
  • i correlati articolatori, acustici, visivi e percettivi delle emozioni;
  • la macro-bimodalità uditivo visiva (gestualità co-verbale, visual prosody, trasmissione bi-modale uditivo-visiva delle emozioni);
  • l’analisi, la sintesi e il riconoscimento uni-modali acustico-uditivi del parlato;
  • la sintesi e il riconoscimento automatici bi-modali, acustico-uditivi e visivi, del parlato italiano (implementazione di Facce Parlanti, Agenti Virtuali).
  • la sintesi bi-modale acustico-uditiva e visiva del parlato italiano emotivo ed espressivo (Facce Parlanti e Agenti Virtuali).
 
© 2017 ISTC - UOS di Padova
Copyright (C) | Privacy  | Webmaster | Ultimo aggiornamento: 17/05/2017